top of page

ARGOMENTI

COSA È UN FORK?


Come funziona l'ecosistema delle cryptocurrencies?

Bitcoin, Ethereum e gli altri tipi di criptovalute si basano su un software open-source decentralizzato chiamato blockchain. Questo nome deriva dalla sua struttura a blocchi che contengono tutti i dati di tutte le transazioni che in essa avvengono, permettendo in questo modo di risalire anche ai primissimi movimenti effettuati nella storia della blockchain.

Le Blockchain sono composte da un codice open-source e, quindi, si basano sulla loro community (che nel caso di Bitcoin è composta dai miners e dalla loro capacità computistica) per decidere di apportare modifiche al protocollo, ovvero l'insieme di regole alla base di una Blockchain che ne formano il codice originario.


Ogniqualvolta si verifica una di queste modifiche al codice, siamo di fronte a una divisione chiamata fork.

Quando avviene un fork la blockchain si divide e ne produce un'altra Ciò permette di fatto di generare una nuova versione della blockchain mantenendo però tutta la storia antecedente.

Questo meccanismo ha permesso la nascita di nuove coin con caratteristiche diverse rispetto alla criptovaluta originaria.


Si pensi a Bitcoin Cash, nato dal fork di Bitcoin nel 2017 o ad Eth 2.0 avvenuto a fine 2022.

Nel corso del tempo versioni vecchie e nuove possono fondersi oppure continuare a evolvere diventando molto diverse l'una dall'altra.


Le blockchain possono essere pensate come i sistemi operativi dei computer, vengono proposte nuove versioni che non vanno a cancellare i precedenti sistemi operativi, ma integrano nuove funzionalità ed upgrade.

Proprio come questi, non sempre le nuove versioni raccolgono il consenso della massa.

Infatti BitcoinCash non ha mai superato il valore di Bitcoin in termini di capitalizzazione di mercato.


Le blockchain, come le altre applicazioni software, ricevono aggiornamenti periodici per diversi scopi e il fine delle divisioni fork è quello di:

· apportare migliorie alle valute digitali (aumento del numero o della velocità delle transazioni)

· aggiungere ulteriori funzionalità alle criptovalute

· risolvere i problemi legati alla sicurezza

· risolvere controversie interne alla community (molto spesso accade quando un gruppo di miners decide di creare una nuova criptovaluta)


I team di sviluppo, però, possono utilizzare una divisione anche per creare nuove coin ed ecosistemi differenti da quelli già esistenti.


Quali tipi di fork esistono?

Nel momento in cui il team decide di attuare una divisione fork, si trova davanti due scelte: può esserci infatti un soft fork o un hard fork.


Soft fork: questa tipologia di fork è utilizzata per introdurre nuove funzionalità e tools nella programmazione, può essere considerata un aggiornamento software. In questo caso la scissione con la versione di Blockchain precedente è più lieve e il risultato finale è una blockchain unica, le cui modifiche sono compatibili con i blocchi precedenti l'introduzione della divisione fork.

Gli aggiornamenti apportati, quindi, non impediscono ai nodi non aggiornati di elaborare transazioni e aggiungere nuovi blocchi.


Può diventare il nuovo sistema di regole della valuta se adottato da tutti gli utenti. Paragonando la Blockchain al sistema operativo di un computer, possiamo invece considerare ogni divisione fork che aggiunge un qualcosa in più, la nuova versione.

Ad esempio le varie divisioni fork Ethereum come Ethereum, Ethereum Classic o Ethereum 2.0, sono paragonabili alle varie versioni di Windows.


Hard fork:

questa divisione fork si verifica invece quando la scissione tra le due Blockchain è così significativa che risulta impossibile qualsiasi tipo di scambio di dati tra le due versioni.

La nuova versione seguirà il nuovo protocollo di regole e darà origine a una nuova criptovaluta.

Bitcoin Cash e Bitcoin Gold sono un esempio di monete derivate tramite hard fork dalla blockchain originaria di Bitcoin.


In questo caso possiamo invece pensare alle divisioni fork come un sistema operativo completamente nuovo, quali possono essere Linux e Mac Os, derivanti dalla piattaforma UNIX.



Perché c'è molto interesse quando avviene un fork?

Nel caso di divisioni hard fork si ha un grande interesse da parte della community, in quanto solitamente, pochi giorni prima del fork, si presenta un repentino aumento del valore della criptovaluta padre poiché è l'occasione giusta per gli investitori di mettere le mani sulla nuova moneta senza fare ulteriori acquisti.


Questo perché quando avviene il fork, detenendo una certa quantità della criptovaluta che sta forkando, dopo il fork si otterranno gratuitamente pari quantità della nuova criptovaluta messa sul mercato.

Tornando all'esempio di prima, per ogni Bitcoin detenuto nel proprio wallet, nel 2017 avremmo ricevuto la stessa quantità di BitcoinCash con rapporto 1 a 1.


Di contro, un problema che potrebbe presentarsi è quello della speculazione, non è raro trovarsi a fare la corsa all'acquisto pochi giorni prima del fork, per poi veder crollare il prezzo della criptovaluta acquistata.


Consigliamo, quindi, di prendere le giuste precauzioni e informarsi per bene prima di qualsiasi azione speculativa associata a tali movimenti.

Comentarios


POST RECENTI

bottom of page