top of page

ARGOMENTI

Gli NFT sono una proprietà riconosciuta legalmente?


Un tribunale cinese nella città di Hangzhou ha affermato che le raccolte di token non fungibili (NFT) sono delle proprietà virtuali online che dovrebbero essere protette dalla legge cinese.

Un articolo del 29 novembre pubblicato dall'Hangzhou Internet Court, un tribunale cinese specializzato nel Web, rivela essere ben disposto verso gli NFT dopo che il paese ha iniziato a reprimere le criptovalute nel 2021, lasciando gli NFT in una posizione legale ambigua.

L' articolo afferma che gli NFT "hanno le caratteristiche oggettive dei diritti di proprietà come valore, scarsità, controllabilità e commerciabilità" e "appartengono alla proprietà virtuale della rete" che "dovrebbe essere protetta dalle leggi del nostro paese".


Il tribunale ha deciso che fosse necessario "confermare gli attributi legali della collezione digitale NFT" per questo caso specifico ed ha ammesso che "le leggi cinesi attualmente non stabiliscono chiaramente" gli "attributi legali delle collezioni digitali NFT".


Il decreto del tribunale riguardava un caso in cui in una compravendita di un NFT, all’interno di una piattaforma di scambio decentralizzata, in cui compratore e venditore dovrebbero restare anonimi, una delle due parti ha citato in giudizio l’altra (la società acquirente) per aver rifiutato di completare lo scambio e annullato l'acquisto di un NFT da un "FLASH SELL", questo perché l'utente ha fornito un nome e numero di telefono che presumibilmente non corrispondevano ai dati in loro possesso.


"Gli NFT racchiudono l'espressione artistica originale del creatore e hanno il valore dei relativi diritti di proprietà intellettuale", ha affermato la corte. Ha aggiunto che gli NFT sono delle "risorse digitali uniche formate sulla blockchain in base al meccanismo di fiducia e consenso tra i nodi della blockchain".


Per questo motivo, il tribunale ha affermato che "le raccolte digitali NFT appartengono alla categoria della proprietà virtuale" e la transazione nel caso legale è vista come la "vendita di beni digitali tramite Internet" e trattata come un' attività di e-commerce "regolamentata dalla 'Legge sul commercio elettronico'".

Questa decisione arriva dopo il decreto emesso a maggio dall'Alta Corte del popolo di Shanghai, nel quale si afferma che Bitcoin BTC è soggetto alle leggi e ai regolamenti sui diritti di proprietà, nonostante il divieto del Paese sulle criptovalute.


Con il suo divieto sulla crittografia, la Cina ha lavorato per separare gli NFT dalle criptovalute con un progetto blockchain sostenuto dal governo per supportare l'implementazione di NFT non crittografici pagati con denaro fiat. Il governo è ancora vigile per garantire che la sua popolazione resista alla "speculazione NFT", come descritto in una dichiarazione congiunta di aprile tra la China Banking Association, la China Internet Finance Association e la Securities Association of China. Quest'ultima ha messo in guardia il pubblico sui "rischi nascosti" degli investimenti negli NFT.


La Cina non è l'unica giurisdizione a sottoporre le NFT alle leggi sulla proprietà.

Un giudice dell'Alta corte di Singapore ha attinto alle leggi sulla proprietà esistenti in un caso di ottobre, paragonando gli NFT a proprietà fisiche come orologi di lusso o vino pregiato, affermando che "gli NFT si sono rivelate come oggetto da collezione molto ricercato".

Commenti


POST RECENTI

bottom of page