top of page

ARGOMENTI

I VANTAGGI DEL FOREX


forex vs cfd

Quando si parla di trading ad amici e parenti, in genere si pensa che si stia parlando del mercato azionario o di qualche truffa on-line.

Ebbene, sarebbe opportuno spiegare che c'è ben di più dietro tale definizione e che varrebbe la pena approfondire l'argomento per poter dare un parere costruttivo su tale tematica.

Ma veniamo al dunque facendo una prima scissione essenziale, andremo infatti a comparare i mercato centralizzati con quelli decentralizzati.


IL MERCATO CENTRALIZZATO


Forex vs Azionario

Il mercato azionario è molto diverso dal mercato del Forex;

Possiamo vedere come differiscono nella struttura ed i vantaggi/svantaggi di queste due tipologie di operatività che i trader possono adottare.

I mercati centralizzati operano attraverso una borsa "centralizzata".

Ciò significa che tutti gli ordini piazzati su un mercato centralizzato dovranno passare attraverso la propria borsa valori.

Non importa se si parla una grande azienda con portafogli da capogiro o di un piccolo trader privato, e nemmeno se la posizione è aperta andando long o short.

Tutto viene elaborato attraverso la borsa centrale.

mercati centralizzati
















La capacità di tracciare tutte le transazioni

Una cosa interessante che i mercati centralizzati possono fare è tracciare con precisione la quantità di ordini ed il loro volume in qualsiasi momento.

Ciò consente ai mercati centralizzati di fornire ai player del mercato, dati analitici più precisi su tutte le transazioni che passano attraverso l'hub centrale.


Ad esempio, il mercato azionario offre dati reali sul volume, mentre il mercato del forex non può farlo.


Il trader è alla mercè del mercato centrale

Quando si opera sul mercato azionario, tutti gli ordini vengono eseguiti attraverso l'hub centrale della borsa, che ha la capacità di manipolare i prezzi, aumentare gli spread di mercato e imporre divieti allo scoperto.

Potrebbero quindi presentarsi situazioni come quella che andiamo ad illustrare:


1) Nel mercato ci sono più venditori che compratori, e ricordate che per ogni venditore ci deve essere un compratore, ma supponiamo che non ci siano più compratori per facilitare una rapida quantità di ordini di vendita in arrivo.

La borsa centrale aumenterà deliberatamente lo spread di mercato nel tentativo di scoraggiare l'ingresso di altri venditori.


2) I trader sono spaventati da una crisi economica e vogliono vendere le loro azioni.

Per prima cosa la borsa centrale aumenterà lo spread per scoraggiare i trader a vendere.

Nonostante questo i trader vorranno disperatamente sbarazzarsi delle loro azioni a causa del progressivo crollo del mercato e non si lasceranno scoraggiare dai prezzi elevati dello spread.

La pressione di vendita diventerà schiacciante e la borsa emetterà un divieto di vendita allo scoperto.

Non sarà quindi più possibile aprire nuovi ordini allo scoperto.

Solo i trader attualmente in possesso di azioni potranno venderle, ma in generale non ci saranno acquirenti durante i crolli del mercato ed i trader non avranno altra scelta se non quella di veder sparire il proprio capitale nel nulla.


Si può fare trading solo quando la borsa centrale è aperta

Gli orari di negoziazione nei mercati centralizzati sono limitati all'orario di negoziazione della borsa, che di solito corrisponde al normale orario di lavoro del fuso orario della borsa, dal lunedì al venerdì.

La Borsa di New York apre alle 8.00 e chiude alle 17.00 ora di New York.

Se si desidera negoziare al di fuori di questi orari, non c'è niente da fare: senza la borsa centrale non c'è nessuno che possa regolare gli ordini di negoziazione.


IL MERCATO DECENTRALIZZATO

Vediamo ora come funziona il trading sul Forex parlando del mercato decentralizzato.

Si tratta di un mercato che non ha una borsa centrale che controlla tutte le attività di mercato.

Il mercato decentralizzato ha molti hub e canali che si interconnettono tra loro.

Gli ordini di compravendita possono prendere più strade per arrivare allo stesso obiettivo.


Un chiaro esempio di rete decentralizzata è proprio Internet.

I pacchetti di dati scambiati tramite Internet, provenienti dal nostro computer, hanno una moltitudine di percorsi possibili per raggiungere la loro destinazione che permette una operatività costante 24h su 24h.

Se il percorso più breve è bloccato o non funziona, il segnale viene reindirizzato attraverso il successivo percorso disponibile.

Il mercato Forex funziona in modo molto simile.


Il mercato dei cambi è un mercato di rete decentralizzato; date un'occhiata al modello sottostante per avere una rappresentazione visiva di come il mercato è collegato tra loro.

Il diagramma sottostante fornisce una buona rappresentazione visiva del funzionamento del mercato Forex.


mercati decentralizzati

Il mercato delle valute estere può essere considerato come una struttura di rete che opera su un sistema a livelli: le grandi banche si trovano al livello superiore, mentre noi trader al dettaglio che operiamo dai nostri computer di casa ci troviamo al livello inferiore.


Cosa succede alla nostra operazione quando effettuiamo un ordine?


Livello 1: la rete interbancaria

La rete interbancaria comprende le banche centrali e le principali banche mondiali, rappresentate da tutte le entità nere nel grafico precedente.

Questi soggetti sono il cuore della rete di cambio.


Tutti gli ordini devono passare attraverso uno dei membri della rete interbancaria per essere eseguiti.

I membri della rete interbancaria sono quelli che hanno liquidità e la forniscono agli altri player del Forex.

Questo è il fulcro del funzionamento del "Forex trading".


Livello 2: i market maker

In questo momento state leggendo questo articolo e siete connessi a Internet.

Per avere accesso a internet dovete sottoscrivere un contratto con un "provider di servizi internet", al quale pagate una tariffa di servizio e che vi fornisce i mezzi per navigare in internet.


Il Forex è molto simile: per poter iniziare a fare trading è necessario iscriversi a un broker, che è il mezzo per accedere alla rete interbancaria e iniziare a fare trading con il resto del mondo.

Se si pensa a come funziona il trading sul Forex, i broker sono i market maker.

Quando si effettua un ordine di compravendita, il broker cercherà prima di tutto di abbinare la compravendita con un altro cliente del broker, bypassando la rete interbancaria.


Se l'operazione ha successo, il broker dispone di un'operazione di copertura gratuita e non corre alcun rischio di perdita.

Se il broker non riesce a far coincidere l'operazione tra i propri clienti, di solito apre un'operazione nella direzione opposta alla vostra (un'operazione di copertura o hedging).

In questo modo il broker si tutela da eventuali perdite che l'operazione potrebbe subire.


I market maker hanno accesso ai prezzi più bassi della rete interbancaria.

Il market maker aggiunge la propria commissione al prezzo interbancario e la trasferisce al cliente. La differenza di prezzo è chiamata "spread Bid-Ask".


Bid price: È il prezzo a cui la rete interbancaria è disposta a vendere la valuta al market maker.


Ask price: È il prezzo al quale il market maker è disposto a vendervi la valuta.



trading ordini

Lo spread è il mezzo con cui i broker guadagnano, ogni volta che acquistate una valuta al prezzo "richiesto" dal market maker.

Il market maker prende l'ordine e passa l'operazione alla rete interbancaria a un prezzo più basso.

Questo è il modello di business principale dei broker Forex al dettaglio, ed è il modo in cui traggono profitto dalle vostre operazioni.

Pensate a tutte le operazioni che vengono effettuate ogni giorno sul mercato Forex.

Ad ogni operazione viene aggiunta la commissione del broker, il che significa che più opererete, più il broker guadagnerà.


Cosa sono le tecnologie STP ed NND?

Queste ultime due stanno rispettivamente per Straight Through Processing e No Dealing Desk. Cosa significa questo?

Quando si utilizza un broker STP, l’apertura di alcuni trade viene inoltrata in automatico ai fornitori di liquidità senza alcuna interferenza o manipolazione dei prezzi, quando uno di questi broker decide di assorbire una parte dell’esposizione di un’operazione, e questo grazie al modello NDD.

Quindi un broker market maker, può presentare un gran vantaggio di deposito minimo accessibile anche a chi ha poco capitale.


Broker ECN

Un broker ECN occupa la stessa posizione nella rete Forex di un broker market maker.

La differenza fondamentale è che non manipolano i prezzi che vedete aggiungendo spread al prezzo "ask" (o almeno così dicono).


I broker ECN consentono di accedere direttamente ai fornitori di liquidità in modalità NND permettendo ai propri clienti di operare su prezzi puri, senza intervenire sui prezzi interbancari come, invece, fanno i broker Market Maker.


Come funziona quindi il trading sul Forex con i broker ECN?

Come fanno a guadagnare se non applicano alcuno spread?

Guadagnano con delle commissioni molto alte sulle vostre operazioni.


Grandi speculatori e società commerciali: Hedge Found

Al secondo livello del nostro diagramma "come funziona il trading sul Forex" troviamo gli Hedge Fund e le società commerciali.


Questi soggetti hanno grande liquidità e rappresentano una gran parte del volume complessivo di scambi sul mercato valutario.

I grandi specs hanno generalmente rapporti di credito speciali con le banche commerciali sulla rete interbancaria.

Le banche commerciali facilitano i grandi ordini di compravendita che le società commerciali effettuano per le loro attività quotidiane e che gli hedge fund utilizzano per il loro trading speculativo (per ricavare denaro dal denaro).


I piccoli speculatori

I trader al dettaglio sono i piccoli operatori e sono costituiti da trader Forex, che negoziano piccole somme di denaro e cercano di leggere i mercati in base alle operazioni dei "big player" sopracitati.


I trader al dettaglio sono noti anche come "piccoli speculatori" e costituiscono solo una piccolissima percentuale del volume del mercato.

I trader al dettaglio possono essere in grado di controllare grandi volumi di denaro con un capitale ridotto grazie al sistema della leva finanziaria offerto dai broker.

La leva finanziaria è uno strumento che permette di aumentare la resa potenziale di un investimento attraverso la contrazione di un debito.

Nel caso specifico del trading con la leva, il broker accetta di anticipare al trader del capitale da investire in un’operazione, a fronte del versamento di un collaterale, che prende il nome di margine.

I broker quindi prendono temporaneamente in prestito denaro dalle banche per fornire la liquidità per la leva finanziaria, permettendoci di operare con più denaro di quello che effettivamente si possiede.

I piccoli speculatori purtroppo hanno un alto tasso di insuccesso sui mercati e sono spesso chiamati "dumb money".


Infatti, è risaputo che un'alta percentuale di trader forex perde denaro, circa il 96%.

Per evitare di far parte di questa grande fetta di mercato, è importante gestire il proprio portafoglio in base a regole e studio dei mercati del Forex, ad esempio tenendo un diario di trading sul Forex e creando una checklist prima di investire il proprio denaro reale duramente sudato.


Ci sono poi alcune cose che dovete sapere sui broker Forex per evitare di investire il vostro denaro in maniera frettolosa, ma di questo parleremo in un altro approfondimento.

Comments


POST RECENTI

bottom of page